Non siamo “Grillini”!

Collage di due foto, consegna firme e biciclettataOra basta, non siamo “Grillini”, non “tifiamo” Grillo, non prendiamo ordini da Grillo, Grillo NON è il nostro “capo”, anche se alcuni faticano a capirlo, può dire quel che vuole, proprio perché non è tenuto a dire quel che pensiamo noi. Stimiamo Grillo che ci ha fatto ridere e riflettere, ci ha fatto incontrare ed ora  fà da garante per noi alle elezioni, triste paese il nostro in cui un comico è una valida garanzia e non ci si fiderebbe a lasciare la propria figlia con un ex presidente del consiglio e i suoi accoliti.

Non siamo “Grillini”, siamo cittadini che si fanno carico dei problemi che li circondano ed hanno deciso di attivarsi, di muoversi, per far si che la società maturi verso forme di convivenza più civili, condivise, sostenibili, forme di convivenza il cui fulcro, vertice e base, siano i cittadini, e il fine ultimo il benessere, non il  folle consumismo che ci ha portato ad un baratro.

Non siamo “l’ antipolitica”, a scuola si insegna che la democrazia è nata in Grecia, quando i cittadini delle polis si riunivano nelle agorà per discutere e legiferare, ebbene noi ci riuniamo nelle piazze delle nostre città per discutere, raccogliamo firme per proporre leggi, come abbiamo fatto,ad esempio, l’ 8 Settembre 2007 (V-Day), chiedendo che i delinquenti venissero cacciati dal parlamento e non potessero essere più eletti, che la scelta dei propri rappresentanti venisse rimessa nelle mani degli elettori, che la politica tornasse ad essere servizio, non fine. Quel giorno, cittadini liberi raccolsero 350000 firme, consegnate al senato e li seppellite, l’ antipolitica sta in chi non vuol vedere.

Non siamo burattini in mano della Casaleggio, i candidati li abbiamo scelti noi, se sono buoni è perché noi lo siamo, idem se non fossero all’altezza. Come credete che la Casaleggio senza scegliere preventivamente i candidati possa poi esercitare un controllo su di loro? Finché il MoVimento sarà questo, NOI che siamo il MoVimento resteremo nel MoVimento,  se mai, malauguratamente, qualcosa dovesse cambiare credete davvero che resteremmo?

Poco importano i vostri tentavi di sminuirci, di farci sembrare piccoli e vuoti, le urne parlano chiaro, ma ancor più chiaro i nostri discorsi, a favore dei beni comuni, delle energie rinnovabili, della decrescita, della sostenibilità, tutti discorsi basati su evidenze scientifiche ed economiche, parliamo per fatti dimostrabili, e ci facciamo carico di agire in prima persona.

I vostri slogan non ci sfiorano più, le vostre bugie ripetute mille volte vestite di rosso o di nero,5 secondi per dirle, nel vostro teatrino di complici, e ore di argomentazioni per smontarne gli strati e gli effetti su una cittadinanza di consumatori assuefatta ai non argomenti, ai discorsi che suonano bene ma non significano nulla, alla politica che è diventata solo un altro prodotto da vendere, basta!

Il vostro tempo è finito, non solo non vi vogliamo, ma semplicemente siete diventati insostenibili, o andate via o il “vostro” stesso sistema provvederà a scacciarvi prima di collassare, è vi assicuro la prima ipotesi è sempre più dignitosa della seconda.

Guardate l’intervista ai candidati di Genova e Parma

Tiziano De Simone.
Cittadino e MoVimentista.

Un pensiero su “Non siamo “Grillini”!”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*