Come la Rai informa i cittadini Flegrei sul Deep Drilling.

Tiziano De Simone e Giovanni Occhiello

Sabato 9 Luglio 2012, noi attivisti del MoVimento 5 Stelle, insieme ad altre associazioni e cittadini (Comitatoto rischio sismico Campi flegrei,Iskra,VANTO…) ci siamo mobilitati per far sentire la nostra voce contraria alle perforazioni a grande profondità (Deep Drilling) nell’ area dell’ ex Italsider.

 Questo post però non verterà sui perché della nostra opposizione, ma su un interessante episodio avvenuto durante il presidio. Appena giunto sul posto il giornalista Giovanni Occhiello (ex candidato di Italia dei Valori) avendo individuato la mia spilletta (del MoVimento 5 Stelle va da se) dichiara candidamente: “Lui no!”, al che molti attivisti del MoVimento 5 Stelle restano sgomenti, anche io trovo inaccettabile un simile atteggiamento, comunque decido di restare li a vedere come verranno selezionati gli intervistati, in fondo sarà in base alle loro parole che si dovrà formare l’opinione il cittadino telespettatore. A togliermi tutti i dubbi ci pensa Antonio Di Dio (esponente locale dell’ UDC) che dichiara esplicitamente chi puo’ parlare e chi no. Al che partono le mie proteste, non mi sembra accettabile che la Rai “prepari i servizi” in questo modo.

Vengono intervistati Eddy Napoli (artista ed attivista meridionalista) e Andrea Angelo Forgione (attivista e meridionalista), ci tengo a dire che dicono cose assolutamente condivisibili, ma il punto non è questo, il punto è pensare che si possa fare informazione equilibrata mandando giornalisti ex candidati che seguono le indicazioni dei politici locali. Finite le interviste mi sono limitato a ribadire al giornalista che il MoVimento è impegnato a fare informazione su questa tematica da lungo tempo, parlando con i massimi esperti del settore, e fino ad ora NESSUNO ci ha detto : “state tranquilli, non c’è pericolo” il pericolo c’é, piani per affrontarlo NO, viviamo in una delle zone a rischio vulcanico più alto del mondo non ci sono i piani di evacuazione e si pensa ad altro.

 Visto che tanto era stato detto da Eddy Napoli e Forgione, mi è sembrato corretto far emergere il dettaglio che nell’area ex italsider vi sono 4 lotti di terreno edificabile che andranno all’asta, come queste decisioni influenzeranno il prezzo? Ovviamente sono sempre CONTRARIO alla vendita del patrimonio pubblico, a maggior ragione sono contrario alla svendita. Ma visto che ultimamente a Napoli i favori agli “immobiliaristi” si sprecano ho pensato fosse il caso di tenere d’occhio questo parametro.

Forse resosi conto che stavamo riprendendo Antonio Di Dio ha cambiato opinione su come dovevano andare le cose, ma non può essere lui (o Occhiello) a decidere cosa i cittadini debbano o non debbano ascoltare, quindi ce ne siamo andati.

Il nostro lavoro su questa tematica va avanti, continueremo ad informare ed a richiedere chiarezza e certezze, tutti i cittadini sono invitati a fare altrettanto.

 

Tiziano De Simone

Contattami.
Seguimi su Twitter ([email protected])

15 pensieri su “Come la Rai informa i cittadini Flegrei sul Deep Drilling.”

  1. Finchè la politica sarà presente in massa in Rai, le cose non cambieranno.
    Sono tanti i temi mai affrontati, o solo a tarda notte. Sono tante le persone senza voce. Perchè? Perchè la TV è un mezzo costoso che viene quindi creato e guidato dai ricchi!

    1. Scusami, provvedo alla rettifica.
      Evinco invece che sulle mie obiezioni sul modo di organizzare le interviste non hai nulla da obbiettare, è corretto?

  2. Caro Tiziano,
    io ero li e continuo ad occuparmi della faccenda per un interesse collettivo. Non ho appartenenze, presente Sabato in qualità di attivista che ha a cuore le sorti di questa terra.
    Non conoscevo affatto, e non le conosco neanche ora pur annusandoli da questo tuo scritto, i contrasti di fondo e i vostri equilibri. Occhiello è venuto li sollecitato da noi e non avrei avuto nessun problema a parlare insieme ad altri su tematiche identiche alle nostre. Scopro solo ora che sotto c’era molto altro e francamente mi rincresce perchè qui si sta perdendo di vista l’obiettivo che è scongiurare un possibile pericolo. Se poi fosse vero che il TgR non abbia mandato le nostre interviste per i motivi da te esposti, proseguendo a non informare la gente come avrebbe potuto fare con i nostri argomenti, sarebbe veramente spiacevole.

  3. Guarda Angelo io non so fra chi credi ci siano contrasti, che secondo me non ci sono visto che tutti gli intervenuti chiedevano esattamente le stesse cose, il mio malumore era legato semplicemente al fatto che un giornalista non dovrebbe indicare una persona (o meglio una spilletta) e dire “Lui no”, per non parlare poi dell’ opinabilissimo intervento di Di Dio. Il Deep Drilling in questa discussione centra solo di striscio, qui discuto sul come vengono informati i cittadini. Ti faccio notare che noi del M5S eravamo presenti e numerosi, ed avevamo diffuso ampiamente l’evento in rete, ma per la Rai non esistiamo. presto volenti o nolenti dovranno cambiare idea.

    Nel frattempo continuiamo a lavorare per bloccare le perforazioni e capire quale sarà il futuro di Bagnoli, come facciamo da anni, credo che il primo comunicato in tal senso a seguito di una grossa riunione al PICO risalga ormai a quasi due anni fa. Continuiamo, presenti sul territorio ed invisibili o travisati sui media.

    a presto.

  4. Angelo, leggi l’ultimo commento di Titus “Tituson 10 lug 2012 at 16:18”

    Riporto:

    “Nel frattempo continuiamo a lavorare per bloccare le perforazioni e capire quale sarà il futuro di Bagnoli, come facciamo da anni, credo che il primo comunicato in tal senso a seguito di una grossa riunione al PICO risalga ormai a quasi due anni fa. Continuiamo, presenti sul territorio ed invisibili o travisati sui media.”

  5. Ciao … Ho già commentato il video su FaceBook. Molto contenta che il MoVimento si doti di mezzi di registrazione e “ripresa della realtà” propri, perché se aspettassimo la Rai, non ve ne sarebbe traccia (della “vera realtà” intendo). Sempre più sconvolta dalle modalità espressive e comporatmentali di questo “signor” Occhiello, che si è annunciato con la perentoria affermazione: “Signori, devono parlare solo il signor Eddy e questo signore qui, e nessun altro, perché lui ci ha chiamati”.. e si è congedato con un altrettanto elegante: “Ma va vattenn’.. va’.”
    A parte ciò, sulla questione Trivellazioni, ieri ho letto (non ancora interamente) un lunghissimo “resoconto stenotipico” delle commissioni congiunte Urbanistica e Beni Comuni di Napoli, del 24 maggio 2012, che solo per capire chi ha dato i permessi per le perforazioni a Bagnoli, ci lasci un po’ di materia grigia devoluta al “bene comune”, perché nemmeno i diretti interessati sembrano saperlo con certezza. Sembra un giallo, la cui trama è da ricostruire a tavolino con uno schema, quasi. Io mi sono fatta l’idea che nemmeno la nostra Amministrazione ne sappia molto di tutta la questione. Cmq, sono arrivata ad una conclusione, molto semplice. Magari la espongo alla prossima riunione. Ciao

  6. Ho appena visto il video, e sono rimasto esterefatto da come hai manipolato quella nostra discussione in cui ti invitavo tra le altre cose a non fare il prepotente visto che insistevi nel voler fare per forza l’intervista mentre il giornalista aveva esplicitamente detto che ci sarebbe stato un solo minuto a disposizione ! E visto che la Televisione era stata chiamata da Eddi Napoli e da Forgione era giusto a quel punto che parlassero solo loro !! Anche io non ho potuto parlare. Ed era questo il mio messaggio. Ma non solo ! Inoltre tu volevi parlare della vendita dei suoli dell’ex area italsider, e non era quello il tema nè dell’incontro e nè dell’intervista che voleva fare il giornalista. Inoltre ti ricordo che tu volevi destabilizzare la sintonia dei vari movimenti occorsi per l’occasione alzando i toni e volendo divulgare messaggi politici. Pertanto ti invito a rettificare il messaggio errato e fuorviante che hai voluto mandare con questo video “costruito” ad arte dal vostro movimento per diffamare la mia persona e quelle altre che avete menzionato.

  7. Sono un po stanco, per non far confusione rispondero’ per punti: 1)NON ho mai chiesto di essere intervistato.2)Non ho mai fatto il prepotente 3)Non volevo destabilizzare proprio niente visto che nell’ articolo annesso al video spiego di concordare con quanto detto da Napoli e Forgione. 4) la Rai è pubblica e deve informare a 360 gradi 5)I video servono a far vedere come sono andate le cose, io non ho parlato prima di allora, come facevi a sapere quel che volevo dire?

  8. Il giornalista che ci fosse solo un minuto lo ha detto un po’ dopo che qualcun altro ha detto: “Può parlare solo il Signore!” … Non iniziamo a dire palle. I soli toni prepotenti sono stati quelli. Io sono rimasta esterrefatta da quello a cui ho assistito, da quello che ho visto accadere sotto i miei occhi e sentito con le mie orecchie, visto che ero presente. Non mi sembra affatto che Tiziano sia stato prepotente e quali fossero i messaggi politici non l’ho capito. Quali erano i messaggi politici di Tiziano? Collegare le trivellazioni al deprezzamento dei suoli e al loro, di conseguenza, eventualmente più conveniente acquisto, non era affatto “fuori tema”. Forse sarebbe una possibile spiegazione a questa volontà di trivellare, operazione inutile e contestata da molti esperti. Caro Antonio, tu forse potrai dire a chi non c’era che il video di Tiziano è una manipolazione, ma a chi c’era purtroppo no. Fortunatamente qualcuno ha ripreso ciò che i cittadini non avrebbero mai visto, se fosse dipeso solo dalla Rai che tra l’altro nel suo servizio non ha nominato il MoVimento 5 Stelle, ma solo VANTO e ISKRA, tra i presenti. Come mai? Io la chiamerei “cancellazione”, censura, informazione falsificata … manipolata? … Tiziano ha riportato immagini e parole, stanno là … La Rai me mi ha cancellata, per esempio.. Giusto? Sì, giusto, non mi/ci ha nominati come “associazione di cittadini” presenti. Io però la Rai l’ho cancellata già da tempo come fonte di informazioni… ho fatto prima! E ho fatto benissimo, dopo quello “show” ne ho avuta la certezza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*