MoVimento 5 Stelle: la condivisione non è confusione.

Walt KovalskyIl MoVimento 5 Stelle vince, il MoVimento 5 Stelle è la chiacchiera del giorno, il MoVimento 5 stelle fa il pieno assoluto, che dica una cosa o che dica l’esatto contrario.

E allora? Abbiamo fatto, “abbiamo svoltato” direbbero dei miei vecchi amici, cosa aspettiamo? Sotto con riunioni, eventi, marce, comunicati, flash mob per dire tutto ed il contrario di tutto. E se non vengono gli altri tanto meglio, ci sono io a fare il “MoVimento”.

Chi si lancia nell’organizzare riunioni o eventi senza poi sapere realmente cosa rispondere alle domande dei cittadini intervenuti non per l’evento in sé, ma per capire meglio cosa è il MoVimento 5 Stelle, dovrebbe fermarsi un secondo a riflettere. Quei cittadini meritano delle risposte chiare, da persone che sappiano  darle, non perché hanno un ruolo in una gerarchia (che mai è esistita e mai dovrà esistere) ma perché hanno condiviso un percorso, “sacrificando” alle volte la loro personale visione a quella collettiva, e MAI si sognerebbero di dire, come ho sentito dire ad alcuni, che il MoVimento deve chiudersi. Il MoVimento è fatto di cittadini, tutti i cittadini sono benvenuti.

Quando alcuni impareranno che non tutte le strade sono un percorso? Non basta una bandiera o una spilletta, nemmeno 100 ore di chiacchiere o una sala piena per essere un MoVimentista, alcuni lo sono senza spilletta, senza bandiera e senza aver né votato MoVimento né partecipato ad una riunione, altri non lo sono e non lo saranno mai così come io non vincerò mai i 100 metri alle olimpiadi, non sono persone peggiori, né migliori, sono persone diverse, viva la diversità!

Quel che voglio dire è “datevi una calmata”, non è il momento di organizzare 1000 eventi perché tanto alla fine per pura curiosità la gente ci viene, è il momento di organizzare esattamente gli eventi che si è in grado di gestire, che sono più utili e che hanno un passato, un presente e, auspicabilmente, un futuro.

Voi che con le migliori intenzioni vi lanciate a creare gruppi o, se esistono già, a lanciare eventi avete prima discusso la cosa con altri? Avete la certezza che sia un incontro utile? Siete certi di riuscire a renderlo fruttuoso? Perché se la risposta è no, allora non sono eventi del MoVimento, ma eventi vostri in cui state usando, a parer mio quantomeno impropriamente, il simbolo del MoVimento.

Se sbagliate, vi rendete conto che la visione che le persone intervenute avranno del MoVimento sarà quella che darete loro? Sapete che le brave persone che si avvicinano sono le prime a mollare se quel che vedono a loro non piace? Sapete che i marpioni, più è brutto quel che vedono, più si piazzano? (L’ammuin e bbona pa uerr’) Vi rendete conto che avete una responsabilità nei confronti di chi per anni ha portato avanti il movimento e non solo, la avete anche nei confronti dei cittadini; se sbagliate indebolite il MoVimento, e se il MoVimento è debole, il cambiamento che cerchiamo di portare avanti potrebbe portare a ben altro.

Occhi aperti, riflessività, condivisione, conoscenza, pacatezza e passione queste sono le armi che dovremo usare nei prossimi mesi. Le stesse di ieri, ma molto più potenti.

Tiziano De Simone

Contattami.
Seguimi su Twitter ([email protected])

7 pensieri su “MoVimento 5 Stelle: la condivisione non è confusione.”

  1. Grande, l’ho condiviso subito, è ridicolo partecipare a riunioni senza senso, senza filo ne costrutto…e poi spiegare agli amici che non è sempre così…

  2. Sono tanti mesi ed innumerevoli le occasioni di incontro e non ne trovo di negative con o senza le vuote e le consistenti spiegazioni che ci diamo tutti intorno agli argomenti specifici e non, e pur essendo di natura aperto ad ogni cosa che rispetti il prossimo, devo rilevare che gli intoppi spesso passano per in problema come l’addetto stampa che viene vissuto almeno da un punto di vista personale non del tutto preparato, come una diadtriba per definirsi non un servizio ma un potere. Ritorniamo peggiorando con la questione Liquid F. Nella quale a mio avviso essendo di primaria importanza va presa con molta attenzione per i riferimentie tecnici locale provinciale, regionale e nazionale . Queste sono situazioni che portano all’affermazione sempre maggiore e qualificata del Ns. M5S possono indicare difficoltà a noi sconosciute. Le mie riflessioni non hanno azione delatoria ma chiedono solo trasparenze.

    1. Ciao Aniello, gli incontri del M5S sono sempre positivi se creati basandosi sulla condivisione ed esigenze reali,
      quando invece servono per portare avanti istanze personali li trovo deleteri, poiché in questa fase i cittadini vengono
      a vedere chi siamo, come lavoriamo, e dobbiamo dare una impressione non bella, ma valida.
      Che persone che sanno poco o nulla del M5S si lancino in riunioni raffica dicendo fior di fesserie lo trovo inadeguato.

      Su LF, io non sono contrario allo strumento, sono contrario al processo “promozionale” seguito ed al fatto che vorrei chiarezza su
      cosa si decide mediante quello strumento.

  3. Ottima analisi. Però tra le armi elencate come necessarie nei prossimi mesi aggiungerei anche l’amore.

    1. Quella la do per scontata, e se sei movimentista c’è di certo…se ti limiti a dire di esserlo allora no.
      Grazie per l’apprezzamento. 🙂

  4. Ciao grande Tiziano,
    si grande , proprio cosi, riesci sempre a capire la situazione ed il momento contigente.
    Hai fotografato una situazione oggettiva e reale.
    Credo e condivido quanto dici,
    non sono le apparenze e la quantità che rendono una cosa , un gruppo o semplicemente un meetUp migliore rispetto agli altri.
    Dobbiamo lavorare sui contenuti, in sinergia e con un obbiettivo ben predeterminato, solo in questo modo possiamo accrescere la partecipazione e dare voce alle idee e alle proposte di tutti i cittadini.

    Purtroppo stiamo subendo l’enfasi del dopo voto, anche se in parte mi auguro che non si spenga presto, che porta tanta gente tra cui persone opportuniste e figlie del solito sistema politico/culturale che continua ancora a governare sto paese.

    Grazie ancora per le tue pillole di saggezza, che ci riempino, ci colmano le lacune dell’inesperienza e ci danno la necessaria spinta a fare sempre meglio.

    Ciro

    1. Grazie mille Ciro, hai colto esattamente il senso!! 🙂
      Questa ondata che ci ha raggiunto va ora accolta facendo capire alle brave persone che il cambiamento
      è davvero possibile, cercando di migliorare un po’ anche le persone che si avvicinano per opportunismo,
      ma facendo vedere loro che il cambiamento non solo lo vogliamo, ma lo siamo…e non c’è trippa per gatti.

      Un abbraccio e a presto! 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*