CS: Linea 6, resoconto del sopralluogo dei parlamentari M5S

doc icon CS-sopralluogo-Ansaldo.doc

COMUNICATO STAMPA M5S NAPOLI

SOPRALLUOGO ISPETTIVO AI CANTIERI ANSALDO DELLA LINEA 6

Roberto Fico: “Siano resi pubblici i monitoraggi dall’apertura dei cantieri ad oggi”

Paola Nugnes: “Venga istituita una commissione di esperti indipendenti nominati dal ministero dell’Ambiente”

Si è svolta stamattina la visita dei parlamentari del M5S Roberto Fico e Paola Nugnes al cantiere della stazione di San Pasquale a Chiaia, in concessione all’impresa ligure Ansaldo Sts, insieme ad una delegazione di tecnici ed attivisti del quartiere, tra cui il professor Giovan Battista De’ Medici. Gli ingegneri della ditta  Ribecco, Liguori e Moccia, insieme al professor Viggiani, ai dirigenti del Comune Giuseppe Pulli e Serena Riccio, hanno accompagnato i parlamentari all’interno del pozzo di stazione fino al piano del tunnel in costruzione, a trenta metri di profondità, e hanno risposto alle domande poste dai presenti. In particolare, il confronto si è avuto sulle condizioni di sicurezza dell’intera tratta metropolitana della Linea 6 e del cantiere di Arco Mirelli, attualmente sotto sequestro dopo l’incidente del 4 marzo scorso, nonché dell’impatto dell’opera a carico delle falde sotterranee.

“E’ incredibile che non sia stato mai aperto nessun canale di dialogo tra la cittadinanza, la ditta e il Comune su un’opera pubblica come la metropolitana” ha dichiarato il deputato Fico “Perciò, abbiamo chiesto che sia organizzata quanto prima un’assemblea pubblica dove le parti possano confrontarsi liberamente, e su questo c’è stata disponibilità sia del Comune che di Ansaldo. Il Comune poi, in persona del dottor Pulli, ha accolto la nostra richiesta di rendere pubblici sul sito web istituzionale i risultati dei monitoraggi di Ansaldo dal 2008 ad oggi, non appena il magistrato avrà concesso l’autorizzazione per la loro diffusione”. “Abbiamo anche riscontrato la difficoltà per i cittadini coinvolti dal crollo del 4 marzo di ottenere l’accesso agli atti pubblici in tempi ragionevoli” ha proseguito Fico “Io e la senatrice Nugnes ci siamo impegnati ad apporre le nostre firme alle istanze, per velocizzare così le procedure di rilascio dei documenti. Per quanto riguarda infine la questione della Villa Comunale, ci terremo in contatto con la cittadinanza per acquisire maggiori informazioni sulle condizioni in cui versa e capire come stanno davvero le cose”.

Secondo i tecnici Ansaldo, le stazioni della linea 6 saranno pronte entro il 2015 eccetto quella di piazza Municipio dove sono stati ritrovati importanti reperti archeologici; i costi si aggirano intorno ai 650 milioni di euro, già stanziati, su cui si attende lo sblocco dei mutui da parte di Palazzo San Giacomo per completare i finanziamenti. Tali costi non sono comprensivi del deposito / officina da costruire a via Campegna su cui insiste dal 2008 lo stop della Corte dei Conti.
La
VIA (Valutazione d’Impatto Ambientale) risulta essere stata rilasciata dalla Regione nel 2010.
E’ emersa con chiarezza una discrasia tra diverse teorie scientifiche riguardo la geologia del sottosuolo. Mentre alcuni geologi indipendenti denunciano che – non solo le stazioni – ma anche il tunnel possa aver alterato lo stato di equilibrio delle falde acquifere, con gravi conseguenze da temersi per la sicurezza dell’abitato, i geologi e geotecnici di Ansaldo affermano che il tunnel non ha alcun impatto sulla falda acquifera. Il punto della discordia sembra essere il banco tufaceo, dai primi considerato come uno spartiacque tra una falda profonda in pressione ed una superficiale, dai secondi visto come un tutt’uno (sotto il profilo idrogeologico) con i terreni superficiali.

La cittadina senatrice Paola Nugnes propone che venga istituita una commissione di esperti indipendenti nominata dal Ministero dell’Ambiente per fare chiarezza sulle problematiche tuttora irrisolte, e contatterà il ministro Orlando a questo fine. Consiglia poi anche che le associazioni di cittadini e l’Ansaldo creino dei tavoli di incontro tra i tecnici di fiducia delle associazioni e quelli di ansaldo.

“Occorre trasparenza e partecipazione, è necessario appurare i fatti e scongiurare e confutare tutte le pur legittime preoccupazioni” dichiara la senatrice Nugnes ” perchè il Comune ha inviato ingiunzioni alla messa insicurezza a tanti condomini che formano la cortina della Riviera di chiaia come sembra sia avvenuto? É vero che in molti lamentano difficoltà nell’apertura delle portafinestre, cedimenti e fessurazioni nei pavimenti, se cosi fosse vero le indagini andrebbero sicuramente estese a tutto il fronte e verificato lo stato di sicurezza e di tenuta del terreno e dei fabbricati. Il principio di cautela ci impone senza allarmismi di verificare ogni dato. Noi riterremo opportune periodici incontri tra il Comune, i tecnici dell’Ansaldo e i cittadini per avere ragione dei progetti, dello stato di avanzamento dei lavori e delle indagini, là dove le notizie possono essere divulgate, l’istituzione di un comitato tecnico scientifico dei cittadini cui dare il permesso di accesso agli atti, visite periodiche al cantiere, affiancamento ai CTU nei sopralluoghi”.

Napoli, 17 Settembre 2013

MoVimento 5 Stelle Napoli
([email protected])
Contatto Twitter:@stampaM5Snapoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*