Archivi categoria: Pensieri

In questi articoli non si parla di MoVimento 5 stelle o politica in senso stretto, sono solo miei pensieri che voglio condividere.

Osama Bin Laden,giustizia è stata fatta?

In questo periodo pensavo di occuparmi da queste pagine principalmente di questioni locali, legate a Napoli, le sue municipalità e le prossime elezioni, ma spettacoli come quelli che stanno avvenendo oggi vanno commentati.

Si dice che Bin Laden sia stato ucciso, un colpo alla testa, uccise anche altre 4 persone fra cui suo figlio, ieri sembra sia stato ucciso il figlio minore di Gheddafi,sono morti anche sua moglie e tre bambini, tutti bimbi di meno di 3 anni (Saif, 2 anni, era figlio di Mohammad Gheddafi, 41 anni, il maggiore dei figli del rais. Carthage, 2 anni, era la figlia di Hannibal, 35 anni, e Mastoura, di appena 4 mesi, figlia di Aisha Gheddafi, 33 anni), questa è la libertà dell’occidente che ormai non si cura più nemmeno di nasconderla più di tanto, Obama dichiara: “Giustizia è stata fatta” e in strada la gente festeggia, anziché dare di stomaco.

Non dimentichiamo, mentre queste morti raggiungono le nostre orecchie e i nostri occhi, le migliaia di altre morti che andiamo seminando in giro per il mondo in maniera diretta o indiretta, come in Irak,Afghanistan,Libia, Palestina, Pakistan,Nigeria… morti che, al più, ci sfiorano e volano via.

Osservo incredulo la festa e mi chiedo perché non festeggiare anche per la morte dei bambini in Palestina? O per gli stupri compiuti dai “nostri” eroici soldati e contractors in Irak, o per la morte a lungo termine disseminata grazie alle armi all’uranio impoverito (che altro non sono che moderne armi nucleari tattiche, non semplicemente immondizia lievemente radioattiva come vanno raccontando), forza tutti in strada a festeggiare!

Stupide bestie che non siamo altro! Quando capiremo che il nostro mondo è alla deriva? Come si puo’ essere cosi’ ottusi da non capire che stiamo vivendo un incubo orrendo gioendo mentre  prendiamo la parte “migliore”?

Ho cercato delle immagini da inserire in questo post, e ne ho trovate tante, troppe, ma non le inserirò, lascio a voi il farlo, lascio a voi andare a guardare dietro il sipario.Quel che ho visto non ha aggiunto niente alla mia opinione, ma mi ha dotato di una convinzione quasi religiosa sull’esistenza di un inferno, poiché trovo impossibile che non esista punizione per noi che permettiamo che tutto questo avvenga.

In tutta sincerità io chiedo perdono.

Tiziano De Simone.

Ah, dimenticavo, a Napoli dei ragazzi di sinistra sono stati accoltellati da dei ragazzi di destra, aspettiamo che giustizia sia fatta…ovviamente.

La rivoluzione è dentro ed è in ogni istante.

Si fa spesso confusione fra l’apparenza e l’essenza, il fuori quasi mai coincide col dentro, a tantissimi piace apparire ma pochissimi hanno il coraggio di essere, quanti si dichiarano ecologisti? Quanti dicono di amare la morte e la guerra?
Eppure…

Questo male non è somma di pochi immensi crimini, come comodamente ci piace credere, ma di un infinità di piccoli microscopici tradimenti, tradiamo ogni volta che sappiamo come dovrebbe andare e non facciamo nulla affinché vada così, tradiamo ogni volta che sappiamo cosa sarebbe giusto ma lasciamo che quel pensiero si consumi scivolandoci addosso lasciando un ombra amara e sfumata, il nostro piccolo segreto che un sorriso forzato presto cancellerà e che dimenticheremo solo dopo esserci ricordati di non doverlo ricordare per far si ché ogni volta sia la prima volta.
E cosa vuoi che sia una volta? Una volta, ogni volta che per misurare le nostre azioni prendiamo l’esempio peggiore, una volta, ogni volta che dimentichiamo che è nobile elargire il perdono ad altri ma solo altri dovrebbero elargirlo a noi, una volta ogni volta e tutte le volte che potremmo essere migliori e non lo siamo, noi tradiamo, non conta nulla l’importanza dell’azione in sé, essa sarà sempre parte della somma.

Ed è sotto il peso di questi infiniti tradimenti che muoiono gli eroi, sono questi infiniti tradimenti a spezzare la schiena degli illusi, quando il male è cosi’ piccolo che ci è cosi’ facile ignorarlo, potremmo sconfiggerlo e invece lasciamo che ci vinca, questa è la misura del nostro valore, dovremmo piangere.

Ogni uomo è capace di morire in catene, ogni uomo è in grado di soffrire fino alla morte, ogni uomo è in grado di capire la somma quando il mondo si fa scuro quando il corpo si fa di carne l’anima paura e il pensiero dolore, ma pochissimi, rarissimi, esseri umani sono in grado di difendere la libertà quando su di loro splende il sole. Pochissimi, rarissimi esseri umani hanno il coraggio di misurarsi col male e non chinare il capo, il loro destino è univoco ma le loro vittorie diverse, c’e’ chi non c’e’ più ne mai c’e’ mai stato, eppure ha vinto quanto è più di chi ha mandato la sua voce a svegliarci e a scuotere le nostre coscienze, perché spesso noi ci ispiriamo ai secondi, ma sono certo che moltissimi dei secondi si siano ispirati ai primi, ed i primi, sono certo, quasi sempre si ispirano all’amore, o almeno, io non conosco altro sentimento che porti a donare se stessi agli altri e all’oblio.

Se tutti fossimo eroi non ce ne accorgeremmo nemmeno e non chiederei mai a tutti di esserlo, chiedo solo che ogni uomo tuteli la sua dignità, chiedo ad ogni uomo di non chinare il capo o voltare la faccia, chiedo ad ogni uomo di scegliere sempre quel che è giusto, e ricordarsi che quasi mai quel che è giusto coincide con quel che conviene, ma se non ne siete capaci fate pure come più sapete e potete, se sarete fortunati nessuno saprà mai chi siete e voi non saprete mai chi vi sta vicino, buona vita, il mondo vi assomiglia.

Ma agli altri auguro di scoprire la gioia immensa delle piccole cose, l’onore nel silenzio e la certezza di se.

Tiziano De Simone
Napoli