Archivi tag: Gruppo Economia e politiche Europee

Manifesto!Contro l’Eurodittatura per un’ Europa dei Popoli e Dei Beni Comuni.

 

Manifesto contro l'eurodittattura per un europa dei popoli e dei beni comuni
Manifesto contro l’eurodittattura per un europa dei popoli e dei beni comuni

Manifesto! Contro l’Eurodittatura

Per un’ Europa dei Popoli

e dei Beni Comuni.

 Denunciamo il processo in atto da decenni volto alla creazione di una dittatura pan europea che con il miraggio della costruzione di uno stato sovranazionale a tutela della pace ed un’ unione fra i popoli europei ha invece generato un totalitarismo economico nel quale la sovranità è stata, e continua ad essere, sottratta ai popoli e portata nelle mani di élite autocratiche che rappresentano solo i propri voraci interessi.

 Questa dittatura si palesa in tre tipi di strumenti:

  1. Politici

  2. Economoco/Monetari.

  3. Militari.

 Strumenti Politici:

 Al primo gruppo appartengono il Trattato di Lisbona,già Costituzione Europea che ha però miseramente fallito la prova del voto popolare, il Trattato di Maastricht, il trattato sul funzionamento dell’ Unione Europea che relega il parlamento europeo, che dovrebbe rappresentare la volontà del popolo europeo, al ruolo di foglia di fico rispetto alle scelte compiute dalla Commissione Europea e dal Consiglio D’Europa dotati del potere di iniziativa legislativa, del quale il parlamento è privo.

 Strumenti Economico Monetari:

 Il SEBC (Sistema Europeo delle Banche Centrali), di cui la BCE ha la direzione, che controlla l’emissione monetaria, Il MES in ogni momento i grado di richiedere nuovi esborsi alle nazioni partecipanti senza bisogno di alcun voto parlamentare. Il Fiscal compact ed il Two Pack che sanciscono un livello di controllo senza precedenti sulla politica economica tramite il controllo sul bilancio delle nazioni dell’ area Euro. L’ ERF (European Redemption Found) strumento di finanziamento dei debiti nazionali nato per volontà degli stessi poteri che controllano l’emissione monetaria, quindi in grado di decidere in qualsiasi momento la solvibilità di una nazione, al solo fine di spogliarle delle ultime vestigia di credibilità economica date dalle riserve auree e dai beni dello Stato.

 Strumenti Militari:

 L’ Eurogendfor nata in base al Trattato di Velsen, i cui membri risultano di fatto essere al di sopra ed al di là della legge, esattamente, e non a caso, come i membri del direttivo del MES. Si è costruito lo strumento repressivo ideale da schierare di volta in volta dove più occorre potendo utilizzare tutti i mezzi che si ritengono opportuni per stroncare qualsiasi forma di dissenso essendo del tutto certi della propri impunità.

 In qualità di cittadini abbiamo il dovere di denunciare questo scempio ed il diritto di COMBATTERLO con qualsiasi mezzo, ma prediligendo quelli che ci sono propri ossia quelli pacifici, armandoci di informazione contro la tirannia.

In virtù di quanto succintamente esposto

Chiediamo

  1. Potere di iniziativa legislativa per il parlamento europeo.

  2. La nazionalizzazione mediante espropriazione delle banche che compongono la BCE.

  3. L’abolizione dell’Eurogendfor.

  4. L’avvio di un reale processo costituente europeo

E’ prevista per il 5 di Novembre 2013 una manifestazione diffusa sul territorio nazionale, e non solo, organizzata da Anonimous International per difendere la libertà. Con gioia ci accodiamo e intendiamo sfruttare questa giornata per diffondere il più possibile queste informazioni. Soltanto una reazione corale di tutti i popoli potrà arginare il crollo della democrazia, che altrimenti sarà inevitabile.

Aiutaci a diffondere questo appello, informati, condividi l’informazione. Il 5 di Novembre dovremmo far sentire con forza le nostre voci, per dire che la politica e le nostre vite non appartengono ad elite assetate di potere.

 

Manifesto contro l'eurodittattura per un europa dei popoli e dei beni comuni
Manifesto contro l’eurodittattura per un europa dei popoli e dei beni comuni

Manifeste contre l’Eurodictature.

Pour une Europe des Peuples et des Biens Communs.

 Nous voulons dénoncer le procès que depuis des années mire à la création d’une dictature pan-européenne. Une dictature qui utilise comme mirage la construction d’un état supranational qui veut sauvegarder la paix et l’union entre les peuples européens. Cependant, si nous regardons la réalité des faits elle engendre un totalitarisme économique où la souveraineté a été soustraite aux peuples et conduite jusqu’à l’élite autocratique qui ne s’occupe que de ses propres intérêts, encore aujourd’hui.

Cette dictature se manifeste dans trois types d’instruments différents :

1)Politique

2) Économique/ Monétaire

3)Militaire

Instruments Politiques :

Au premier groupe appartienne : Le Traité de Lisbonne qui fait déjà partie de la Constitution Européenne, mais qui a misérablement raté l’épreuve du vote populaire et le Traité de Maastricht. Ce dernier est un traité sur le fonctionnement de l’Union Européenne qui relègue le parlement européen, (institution qui devrait représenter la volonté du peuple européen), à un rôle passif par rapport aux choix pris par la Commission Européenne et par le Conseil Européen qui ont le pouvoir d’initiative législative, contrairement au Parlement.

 Instruments Économique/Monétaire :

Le SEBC (Système Européen des Banques Centrales) contrôlé par la BCE s’occupe de l’émission monétaire. Le MES, à chaque instant, est en mesure de demander de nouveaux débours aux nations intéressées sans avoir besoin de faire recours au vote parlementaire. Le fiscal compact et le two pack établissent un niveau de contrôle sur la politique économique sans précédant, grâce au contrôle sur le bilan des nations de la zone euro. L’ERF (European Redemption Found) est l’instrument de financement des dettes nationales né par la volonté des mêmes pouvoirs qui contrôlent l’émission monétaire, capable de décider en n’importe quel moment la solvabilité d’une nation avec le seul but de dépouiller les dernières vestiges de crédibilité économique donné par les réserves d’or et par les biens de l’État.

 Instruments Militaire :

L’EuroGendFor a été créé lors du Traité de Velsen. Ses membres semblent être au-dessus et au-delà de la loi, et ce n’est pas un hasard si la même chose se passe avec les membres du directoire du MES. C’est ainsi qu’ils ont construit l’instrument répressif idéal à aligner là où nécessaire. De cette façon ils peuvent utiliser tous les moyens qu’ils retiennent appropriés pour arrêter n’importe quel forme de désapprobation, vu qu’il sont sûrs de leurs propre impunité.

 En tant que citoyens, nous avons le devoir de dénoncer ce massacre et le droit de le combattre avec tout les moyens possibles ; avec la prédilection pour ceux auxquels nous sommes accoutumés, ceux pacifiques, naturellement. Pour combattre cette tyrannie nous devons nous informer et rechercher la vérité.

En vertu de ce qu’on a brièvement exposé

Nous demandons

  1. Pouvoir d’initiative législative pour le parlement européen.
  2. La nationalisation par l’expropriation des banques qui composent la BCE.
  3. L’abolition de l’EuroGendFor.
  4. Le démarrage d’un réel procès européen.

C’est le moment d’agir !

 MouVement 5 étoiles Naples

Groupe d’étude en économie et politique européenne.

 

ERF European Redemption Fund, addio gioielli di famiglia

testata M5S Gruppo economia E Politiche Europee

Il parlamento Ue ha detto ”si” alla creazione di un Fondo europeo di ”redenzione” l’ European Redemption Fund, (ERF).

La proposta, formulata dal Consiglio degli esperti economici della Cancelleria tedesca Angela Merkel, prevede di far confluire nel Fondo l’importo dei debiti pubblici degli Stati dell’Eurozona per la parte eccedente il 60% del PIL. L’ERF emetterebbe titoli, per complessivi 2.300 miliardi di euro, secondo i calcoli dello stesso Consiglio degli esperti economici) per una durata massima di 20-25 anni garantiti dal gettito delle imposte riscosse a livello nazionale e da asset pubblici, in particolare, riserve auree e di valuta estera dei Paesi assistiti. Gli Stati sarebbero dunque tenuti a rimborsare il fondo entro il periodo indicato 20-25 anni, durante il quale dovrebbero raggiungere (come già imposto peraltro dal Patto di stabilità e dal Fiscal compact) la soglia del 60% di debito/PIL, garantendo una gestione virtuosa dei conti pubblici ed evitando il rischio di azzardo morale.

Secondo i calcoli degli esperti economici tedeschi, l’Italia parteciperebbe al Fondo con una quota parti al 40% (la più alta tra i Paesi partecipanti), e per rimborsare il suo debito entro il termine stabilito (20-25 anni) dovrebbe produrre ogni anno, assumendo una crescita annua del PIL nominale pari al 3%, un avanzo primario pari al 4,2% del PIL. A loro avviso, il raggiungimento di questo obiettivo richiederebbe una rigorosa disciplina fiscale, annullando di fatto il rischio di azzardo morale, ma produrrebbe nel contempo una consistente riduzione dei costi di rifinanziamento del debito. In assenza del Fondo, infatti, per ridurre il debito al di sotto del 60%, l’Italia, assumendo un tasso di interesse sui titoli di Stato pari al 7%, dovrebbe assicurare un avanzo primario superiore all’8% del PIL.

Gli Stati partecipanti devono garantire l’introduzione di norme vincolanti, di rango costituzionale, che assicurino il pareggio di bilancio (come l’Italia ha già fatto), in mondo da evitare che la quota di debito non compresa nel Fondo non ecceda nuovamente la soglia del 60% del PIL.

In pratica, questo fondo andrà a pignorare le entrate tributarie, dato che abbiamo un debito pubblico superiore al 60% del Pil (oltre il doppio), per un ventennio circaL’Italia verserà in questo fondo 954 miliardi di euro. Il colmo è che per dare garanzie il fondo, lo Stato italiano, che sarà per così dire beneficiario di questo vero e proprio “pignoramento“, dovrà tirare fuori le proprie riserve di oro, unica certezza rimasta, in quanto il prezioso metallo è l’unica “valuta” universalmente riconosciuta e accettate che non dipende dagli sbalzi d’umore dei mercati finanziari e dalle legnate delle agenzie di rating. Una volta messo l’oro sul piatto, il fondo procederà a pignorarci le entrate tributarie fino al 2035. Ovvio che se le tasse non bastano questi si beccheranno tutta la riserva aurea.

Ci stanno trasportando (anzi… già ci siamo) per gradi in una dittatura europea centralizzata, oligarchica e plutocratica.

Con il falso problema del debito pubblico divenuto erroneamente il male assoluto solo perché ci hanno tolto gli strumenti per rifinanziarcelo da soli, ovvero la sovranità monetaria, ci stanno trasportando dolcemente (e maliziosamente all’oscuro) con sobria austerità nel totalitarismo europeo.

L’Erf è solo l’ennesimo fondo gestito da un’organizzazione intergovernativa e finanziaria anonima, non eletta dal popolo, sul quale non potremo avere nessun tipo di informazioni, in quanto la documentazione è stata dichiarata secretata e inviolabile.

Se questa non è dittatura, lascio a voi l’onere di trovare il nome che più gli si addice…Ma tornando al redemption fund, in cambio dell’obbligo (controllato a vista da ispettori) a pagare una sorta di mega mutuo per azzerare il debito sopra il 60% esso offre tassi quasi tedeschi, si stima circa 0.8-1 punto percentuale superiore al Bund tedesco, forse addirittura uguale.

Non è poco, si tratta di uno sconto gigantesco rispetto ai tassi che l’Italia ha sempre pagato sul suo debito, solo che questa volta vanno restituite anche quote di capitale.

Ovviamente il rischio sta nell’escussione della garanzia. Cioè se l’Italia ritardasse o non effettuasse i pagamenti previsti scatterebbero clausole automatiche sul nostro patrimonio e cioè che l’oro fisico di ciascuna banca centrale europea venga trasferito temporaneamente alla BCE la quale farebbe da garante e da “banco” per punire chi sgarra.

Mediobanca stima che, per l’Italia, durante i primi anni di attività dell’Erf, circa l’8% delle entrate fiscali dovrebbe essere asservito al meccanismo di redenzione, ma la percentuale si ridurrebbe con il passare degli anni, riducendosi a meno del 3% nell’ultimo decennio di vita del Fondo…ciò non è credibile in quanto la grave e continua crisi economica non consentirà all’Italia di far crescere il suo Pil e, allora, addio beni di famiglia.

Come Bankitalia aumenta il suo potere di controllo.

banche nel mezzoLa finalità dell’ Articolo 12 del D.L. 6 dicembre 2011 n.201 Decreto “Salva Italia” che ha ridotto l’utilizzo del contante a € 1.000 sarebbe quella di ridurre il rischio dell’utilizzo del contante a scopo di riciclaggio e di finanziamenti al terrorismo da un lato e dall’altro rendere più tracciabili i flussi finanziari riducendo il rischio di evasione fiscale.

La disposizione vieta il trasferimento del denaro contante, di libretti di deposito e di titoli al portatore tra soggetti diversi, a qualunque titolo per importi pari o superiori 1.000 euro, inoltre gli eventuali assegni per un importo superiore devono essere non trasferibili, possono essere unicamente girati dal firmatario per l’incasso ad una Banca od alle Poste, non essendo possibile girarli a terzi.

Il D.L. recepisce due direttive della Ue in materia. Su esso è intervenuta prima la Circolare del Ministero delle finanze, dipartimento del Tesoro in data 4 novembre 2011 ed in particolare la circolare ABI dell’11 gennaio 2012 che ha precisato che il limite del denaro contante non può trovare applicazione per le operazioni di versamento e prelievo sui conti correnti e libretti di deposito in quanto manca il presupposto fondamentale affinché si configuri un’ipotesi di violazione ossia il trasferimento del contante.

Siamo proprio sicuri che si tratti di un meccanismo per combattere l’evasione fiscale e il riciclaggio di denaro sporco? Ragioniamoci su.

L’attuale governatore della Bce, Mario Draghi, all’epoca governatore di BANKITALIA, appoggiò fortemente tale decreto. Sorge il dubbio che forse le banche vogliono tenere il controllo di tutti i transiti di valuta, scoraggiare e limitare l’uso del contante così da vincolare sempre di più gli stati e far crescere il cosiddetto signoraggio secondario e lucrare sul tutto.

Inoltre, l’imposizione di assegni non trasferibili ha frenato ancor di più l’economia perché non hanno permesso più le girate tra imprenditori i quali, attraverso questo meccanismo, potevano concedersi una sorta di fido l’un l’altro senza dover pagare subito utilizzando per forza le banche.

Davvero per combattere l’evasione si deve ostacolare lo scambio di contante? Non basterebbe invece, ad esempio, una verifica al PRA (Pubblico Registro Automobilistico) sulle auto di lusso o una verifica sulle bollette energetiche? Come fai ad avere un’ auto di 100.000 euro se hai un reddito basso o nullo? O evadi o sei un prestanome. Come fa la tua azienda a consumare xmila euro per energia se incassa meno di quanto consuma? Sono solo esempi, se solo si volesse

Occorre mettere mano a una nuova legge bancaria e superare l’accordo di basilea 3(a breve un articolo specifico) che sta distruggendo l’ economia reale e la nostra forza lavoro.

Roberto Ionta

Tiziano De Simone

Cosa sono il FISCAL COMPACT e il MES?

MES

Continuiamo ad esplorare i meccanismi di controllo economico su cui si costruirà il nostro futuro…

Nel silenzio più assoluto sono stati ratificati dall’Italia,nel Luglio del 2012, i trattati sottoscritti dai paesi dell’ Unione Europea noti come patto di bilancio,Fiscal Compact, e Meccanismo Europeo di Stabilità,MES.

 Ma cosa sono il Fiscal Compact e il MES?

 Anzitutto dobbiamo precisare che essi sono stati preceduti dalla necessaria modifica alla Costituzione agli artt. 81, 97, 117 e 119 affinché potessero entrare a far parte del nostro ordinamento, modifica anch’essa avvenuta nel silenzio più assoluto nel mese di Maggio del 2012.

 Con queste modifiche alla Costituzione si introduce la “regola d’oro” del pareggio in bilancio (Fiscal Compact) tra entrate e spese a livello statale, regionale, provinciale, comunale e città metropolitane.

 Per raggiungere questo pareggio in bilancio occorrerà rientrare del 60% del debito pubblico dall’attuale 120% rispetto al PIL in venti anni con una manovra di circa 50 miliardi di euro l’anno che potrebbero derivare da altre tasse e da ulteriori tagli (alle pensioni, sanità, welfare).

 In caso di mancato raggiungimento di tale risultato potrebbe, anche, essere necessario vendere, anzi svendere, le grandi aziende italiane quali Enel, Finmeccanica,Eni, FS, Poste Italiane.

 Anche col trattato istitutivo del MES (fondo salva stati) introdotto con la modifica dell’art. 136 del Trattato di funzionamento della Unione Europea cui l’Italia ha aderito,col 18% ossia oltre 125 miliardi di euro, si dovrà versare una quota per i prossimi cinque anni di 25 miliardi per anno per assicurare la stabilità finanziaria dell’Eurozona con un fondo totale di 700 miliardi di euro che potrà essere aumentato ogni cinque anni a discrezione solo del MES.

 Tale fondo sarà gestito dal MES che avrà personalità e capacità giuridica e potrà acquistare e alienare beni mobili e/o immobili, contrattare, essere parte in procedimenti legali e entrare in accordi e/o protocolli necessari per garantire il suo status giuridico, i suoi privilegi e le immunità.

 Ha sede in Lussemburgo e godrà della immunità, insindacabilità e inviolabilità della sede e delle persone che ne fanno parte; la proprietà, il finanziamento e le attività del MES, ovunque si trovino e da chiunque posseduti, saranno esentati da perquisizione, requisizione, confisca, espropriazione o qualunque altra forma di sequestro, requisizione o preclusione del potere ipotecario, giudiziario, amministrativo o legislativo. Gli archivi del MES e tutti i documenti ad esso appartenuti sono inviolabili. Non pagherà le imposte dirette dei guadagni derivanti dalla gestione dello stesso fondo.

 In caso di necessità e per garantire la stabilità finanziaria dell’eurozona il MES può fornire aiuti finanziari a un membro che ne farà richiesta ma solo a condizione di una rigorosa politica economica, , cioè i soldi versati dall’ Italia al MES potranno essere prestati a noi stessi dal MES ma con gli interessi e solo a certe condizioni che assicurino la “stabilità finanziaria”.

 Con tali somme si potrebbero sicuramente finanziare la sanità o le pensioni invece vengono dirottate e utilizzate per garantire la “stabilità finanziaria” della Unione Europea al fine di rendere solvibili i titoli del debito pubblico emessi sul mercato e affinché altri ne possano essere immessi.

 Ciò che deve essere messo in evidenza è che non si tratta “solo” di versare queste quote (50 e 25 miliardi di euro) per i prossimi anni, rendendo sempre più gravoso reperirle attraverso una maggiore pressione fiscale e tagli, ma anche che con questi trattati si va a colpire la residua sovranità legislativa del nostro paese che dovrà armonizzare la propria politica economica e monetaria con quella della Unione e nell’interesse della sua stabilità finanziaria.

 L’Italia ha una (limitata) competenza legislativa concorrente con quella dell’Unione e DEVE coordinare la sua politica economica e occupazionale secondo le modalità previste dal trattato sul funzionamento della stessa Unione Europea, dove sta in questo la sovranità del popolo italiano? O greco? O spagnolo…